Le imprese culturali come teorema scientifico

Come sarebbe stato il passato se il futuro fosse arrivato prima? È la frase che riassume la filosofia steampunk, quella letteratura, e non solo, che immagina un mondo anacronistico in cui elementi attuali vengono trasportati nell’epoca vittoriana creando un effetto straniante, anche divertente, ma sostanzialmente inutile.

Ecco, il dibattito attorno alle imprese culturali che negli ultimi tempi sempre più spesso possiamo trovare in articoli, convegni, incontri, siti e confronti tra economisti, operatori e politici molto spesso sembra rimandare a questo: qualcosa fuori tempo tra tecnica moderna e abiti vittoriani. Si guarda al futuro dal punto di vista del passato un po’ come i videogames che, per quanto fantascientifici, rimangono comunque giochi bidimensionali.

Ne parliamo su il giornale delle fondazioni: Le imprese culturali come teorema scientifico

L’immagine è un autoritratto di Abbas Kiarostami
L'artista come imprenditore. Un nostro articolo per Art&Law Musei, bilancio di sostenibilità e dintorni
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *