Leonardo Nava: natura e artificio – 2.5.17

C’è qualcosa che accomuna il lavoro di Leonardo con la nostra professione.

Adattare la forma alle necessità, vedere una prospettiva dove altri nascondono un problema, la collaborazione e il rapporto con gli altri.

Nelle sue sculture, però, c’è più fuoco.

*

Abbiamo esposto una serie di sculture realizzate in fusione di bronzo patinato con incastonato il vetro soffiato.

Dalla terra al cielo. Così breve e così lungo è il percorso che le sculture di Leonardo Nava ci propongono.

Radici in bronzo tenacemente aggrappate a dei blocchi di pietra bianca e legno crescono e diventano alberi sui cui rami sono andate a posarsi, prima di ripartire per il loro viaggio, nuvole in vetro di colore intenso. I rami le hanno accolte nelle loro mani.

Ma non di sole nuvole è fatto il suo lavoro: ci sono corpi di bronzo che sembrano usciti dagli scavi di Pompei, mani che diventano radici e radici che diventano mani, strutture arboree in legno carbonizzato, sinuose come serpenti e alberi che appaiono come persone perché persone sono.

Con la mimesi del camaleonte, Leonardo Nava si è fatto pietra, si è fatto albero, si è fatto nuvola.

Il rapporto fra uomo e natura è il tema conduttore di tutto il suo percorso.

(Jean Blanchard)

Lucia Pescador: cabinet des merveilles - 26.9.17 Adriano Attus/Alfred Drago Rens: neometrie - 20.9.16
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *