ÆS 9.1 | Giovanna Romano/Federica Maria D’Amato/Giuseppe Stampone – Le ragioni di un forum

“La cultura o è per tutti o non è cultura”. Giovanna Romano nel suo articolo ci ricorda che questo è stato l’incipit della giornata di dialoghi del Forum FRA, futura ragione arte, presentata a Pescara il 22 novembre del 2019: un’agorà organizzato dalla associazione Hub-c in cui professionisti, pubblici e privati, provenienti dall’Abruzzo e da tutti Italia  hanno dialogato fra loro e con il pubblico presente in sala sul ruolo della cultura all’interno della società.

Da questo confronto sono nate una serie di riflessioni che abbiamo raccolto in otto articoli, prodotti in collaborazione con HUB C e che ospitiamo in questo nuovo numero digitale di AES.

A dare il senso dell’unione delle idee, dello scambio tra pensieri e arti all’articolo di Giovanna Romano fanno da corollario una poesia di Federica Maria D’Amato e una illustrazione di Giuseppe Stampone disegnata appositamente per il Forum.

I prossimi appuntamenti:

Mercoledì 10 febbraio Simone D’Alessandro, Economia circolare e neoumanesimo d’impresa: il connubio possibile, anche in Abruzzo

Venerdì 12 febbraio Alessandro Crociata, Anatomia dell’esperienza culturale

Lunedì 15  febbraio Fabio Viola, Il Turismo CreAttivo

Mercoledì 17 febbraio Giusy Sica, Rigenerazione ed approccio transdisciplinare: come creare innovazione sociale e culturale

Venerdì 19 febbraio Alessandro Bollo, Le domande della progettazione culturale

Lunedì 22 febbraio Paola Dubini, E “adesso” come si mangia con la cultura?

Mercoledì 24 febbraio Franco Broccardi, Azioni d’impresa e comportamenti sociali

 

Giovanna Romano[1],

Le ragioni di un forum

 

Associazione Hub-c cultura luoghi persone

L’associazione Hub-c cultura luoghi e persone, nasce a Febbraio 2019 con il progetto Lettera per Amore “cerchiamo le parole”. La fonte di indagine di Hub -c sono le persone e l’azione che li relaziona con gli altri, con le istituzioni e con il territorio circostante, e che compenetra tutti i fenomeni, ossia la cultura, sia nel suo aspetto materiale sia in quello linguistico ed espressivo. L’associazione pone al centro l’uomo, ogni uomo, senza nessuna distinzione economico-sociale, di sesso e di religione, non solo come mero spettatore o fruitore di eventi culturali, ma in veste partecipativa. Il fattore umano diventa una priorità strategica, preziosa e insostituibile. Tramite la relazione, si vogliono  creare i presupposti per uno scambio simmetrico affinché ogni attore coinvolto possa trarre il giusto beneficio. Si lavora con una progettualità di lungo periodo, curando contenuti di qualità che siano accessibili a tutti.

Forum Fra futuro ragione arte

Il 22 Novembre del 2019, Hub-c ha presentato a Pescara l’edizione zero del Forum Fra, futuro ragione arte ospitato dalla Yag/garage di Silvio Maresca, (Bluserena Spa). Visioni diverse si sono intrecciate sul campo della cultura intesa come fattore produttivo di valore, sociale ed economico di un territorio, con particolare riferimento all’Abruzzo. Già nella scelta del luogo, incrocio di cultura accessibile e imprenditorialità illuminata, si evidenzia il messaggio del Forum. È proprio in questo abbattimento delle tradizionali barriere, in cui chi fa impresa comprende appieno il valore dell’investimento relazionale in cultura e, d’altro canto, la cultura riconosce nell’impresa il valore non solo economico che questa esprime, che si pongono le basi di un percorso che immaginiamo ampio e profondo. Prendendo spunto dalla frase di Cesare Pavese “Tutta l’arte è un problema di equilibrio fra due opposti”[2] il Forum ha voluto conciliare, mettere a confronto e favorire l’incontro di realtà diverse e persone differenti; un’agorà dove professionisti, pubblici e privati, provenienti dall’Abruzzo e da tutta Italia hanno dialogato fra loro e con il pubblico presente in sala.

È proprio quel Fra, quella proposizione semplice, cercata e pensata, che segna il momento di sospensione tra  le persone e una vicinanza fisica che parafrasa  Handke quando dice  “non solo vedo l’altro ma io sono anche l’altro, e l’altro è me”[3] implica di per sé un’accoglienza maggiore e rende più insidioso innalzare barriere. Ognuno dei presenti ha cercato di non predominare dialetticamente sugli altri – non un convegno ma un’agora – ma ha compreso il valore che ogni persona in sala poteva apportare nell’ambito della discussione affinché la conversazione fosse libera ed efficace. I relatori fra il pubblico e il pubblico, composto da giovani e meno giovani, tra i relatori. L’intento maggiore del Forum non era quello di offrire soluzioni, ma prospettare relazioni. In quale maniera?

Si è cercato di fare emergere le varie problematiche del mondo della cultura mediante  la partecipazione attiva dei soggetti presenti, uno scambio dei ruoli, in cui gli uditori, a loro volta, divenivano relatori: appunti strappati, sostituiti e idee rielaborate.

Nessun oracolo ha predetto il futuro, ma tante persone hanno preso parola rispetto a temi specifici che, in quella istanza, per la pluralità dei linguaggi messi in campo, richiedevano un maggiore ascolto. Ogni individuo presente in sala poteva intervenire nel dibattito – poeti, artisti, economisti, creativi, direttori dei parchi, art sharer, operatori culturali e sociali, studenti, imprenditori –   per raccontare e mettere in luce, rispetto alle proprie esperienze, le peculiarità e le dissonanze che si riscontrano lavorando a diversi livelli nell’ambito della cultura. Una complessità di vedute di fronte alle quale ci pone la società odierna, che oltre ad essere difficile da rendere su carta, ancor più lo diventa nella vita reale.

Premesse del Forum

“La cultura o è per tutti o non è cultura” è stato questo l’incipit con cui è iniziato il Fra.

La conversazione si è sviluppata intorno alle tematiche del linguaggio: inclusione e  nuovo umanesimo, con la voglia di comprendere se davvero negli ultimi tempi ci sono stati un cambio di rotta  e una maggiore attenzione nei confronti dell’altro, e se questo cambiamento ha portato ad una maggiore inclusione ed investito la società per intero. Ancor più ci siamo chiesti se la cultura declinata come fattore di inclusione e non come fenomeno elitario, possa sul serio avere impatti rilevanti sia di carattere sociale , sia di carattere economico; se  i meccanismi di produzione valore -economico sociale culturale, reputazionale e non ultimo, politico – possano attribuire un nuovo senso allo stesso capitalismo rendendolo sempre più inclusivo fino a divenire una sorta di corporate cultural responsability con cui gli operatori, quelli strutturati e vigili ai cambiamenti, dovranno fare i conti, pronti a coglierne le opportunità.

L’obiettivo non è stato tradurre in azione immediata ciò di cui si stava parlando, ma conoscere e conoscersi, cercare di comprendere quali fossero le persone che operano sul territorio mettendo in relazione chi crea cultura – poeti, artisti e creativi – chi la progetta – associazioni fondazioni liberi professionisti – e chi la sostiene – istituzioni pubbliche e private, sovraintendenze – ; comprendere altresì  se le dinamiche poste in atto corrispondano ai reali bisogni della comunità  tanto da tradursi in valore economico.

Abbiamo provato a costruire un discorso corale non allineando le voci ma portando a galla le differenze, nuovi stimoli e tanti conflitti che possono sorgere nel perseguimento di intenti comuni da parte di attori e istituzioni differenti. Porsi domande, fermarsi, ascoltare, capire, comprendere ed insieme tradurre quel dover “fare”, in un “che fare” rispetto alla peculiarità delle persone e del territorio. L’azione, in questo caso, non può essere disgiunta da una lunga osservazione e riflessione da parte di ognuno.

Obiettivo del Forum: La società fondata sulla cultura

Il nocciolo della questione, al di là di differenze strutturali, è pensarci uguali, partecipi e presenti come cittadini di fronte alle stesse problematiche di ordine politico sociale ed economico. Sappiamo che le nostre società sono rette da una triade: politica, economia e cultura. La loro articolazione è cambiata nel corso dei secoli e nelle epoche, ma la cultura resta quel terreno comune che segna il senso di appartenenza di un popolo che condivide simboli e valori, un terreno più profondo e prolifico, regolato da meno contrasti rispetto alla vita economica e politica della comunità. Come ci ricorda Gustavo Zagrebelsky il “riconoscersi senza conoscersi appartenente alla stessa cerchia umana diventa condizione indispensabile per l’esistenza di ogni società fatta di grandi numeri”[4]. L’esistenza e il buon funzionamento di una società rende necessario coinvolgere ed estendere la partecipazione culturale  a tutti gli individui. La cultura deve svolgere una duplice funzione incoraggiando sia un impegno individuale, in cui l’aspirazione e il desiderio del singolo di una società migliore  possa tradursi in un bene importante che vale la pena perseguire con fatti che permettano ad ognuno di colorare il proprio futuro, sia “un impegno collettivo sociale basato sul pensiero critico piuttosto che su di una competizione zelante e spietata”[5]

Questo in fin dei conti è Fra!

 

Federica Maria D’amato[6]

 

Benedizioni abruzzesi

Sia benedetta la silenziosa eloquenza dei gesti
tra la resina d’oro e la cicerchiata
dei nostri anulari, atlantide sommersa della prima volta.
Siano benedette le spine, i ginepri, la ginestra selvaggia
delle vette lungo le strade dei nostri vent’anni
che non si lasceranno scalare mai più.
I docili amici di Maja, la domenica,
gli alberi fioriti lungo i corsi d’acqua,
le beatitudini dopo pranzo
del pescatore stanco, nel sole,
tutti i mari traditi dalle loro partenze.
L’amore umido, adriatico, cantando all’orecchio
il lontano messaggio delle isole,
coloro che attingono olio dalla conca del cuore
e la luce di aprile sui fianchi della dormiente
che lieve la fa diventare Bella.
I cuori amanti degli amati,
le guance ardenti dei dimenticati.
Gli angeli che inviano dai trabocchi
le lettere dei trapassati e più in là,
oltre le vele, siano benedetti anche
quelli che imparano a tornare da loro stessi.
Il pastore, quando cade in ginocchio
per tutti piangendo ai piedi dell’Amaro,
nel tempo della fine quando il tempo
è la sola cosa che ci appartiene.
Le stelle dentro alle toppe dei contadini,
le loro anime che fioriscono di piume,
i re bambini, le loro tristezze di bucaneve
e le discese infilate dentro al grido
del ragazzo che per la prima volta cresce
essendo benedetti tutti i cuccioli che senza
saperlo una volta si sono lavati nella neve.

Il signore grande Inverno
davanti ai camini dei vecchi
sia benedetto tra le righe dei faggi,
lì in fondo al bosco quando il lupo
in un letto di foglie si stringe al suo amore
perché benedetto dev’essere dal suo
mantello anche il freddo.
Sia l’acero benedetto, quando prega
settembre di farlo dormire
svegliando la neve in ogni suo fiocco
in ogni suo piccolo muso a forma di stella.

Siano infine benedette
senza fine le lune,
le presentose delle donne
i tratturi, i ricordi e le montagne
quando resteranno
finalmente
sole.
Senza di noi.

[1] Sociologa, presidente Associazione Culturale Hub-C, Pescara

[2] Cesare Pavese, Il Mestiere di Vivere. Diario (1935-1950) Einaudi 1952

[3] Peter Handke, Saggio sulla Stanchezza, Garzanti, 1991

[4] Gustavo Zagrebelsky, Fondata sulla cultura. Arte, Scienza e Costituzione, Einaudi, 2014

[5] Paulo Freire-Pedagogia degli oppressi,1970, Edizione Gruppo Abele 2018

[6] Federica Maria d’Amato (1984) si occupa di letteratura e lavora nel campo dell’arte e del giornalismo. Ha pubblicato le raccolte di poesia La dolorosa (Opera, 2008), Poesie a Comitò (Noubs, 2011), Avere trent’anni (Ianieri 2013) e A imitazione dell’acqua (Nottetempo, 2017); l’edizione italiana di Il libro dell’amico e dell’amato di Ramon Llull e l’edizione italiana di Dove diavolo sei stato? di Tom Carver (Ianieri, 2012); il libro-dialogo con Davide Rondoni, I termini dell’amore (CartaCanta, 2016), il saggio epistolare Lettere al Padre (Ianieri, 2016) e il libro di pensieri e aforismi Un anno e a capo (Galaad Edizioni). Poesie e racconti sono presenti in diverse antologie, in Italia e all’Estero; collabora con riviste specializzate in letteratura e critica letteraria e con le pagine culturali dei principali quotidiani.

 

ÆS 9.2 | Simone D'Alessandro - Economia circolare e neoumanesimo d’impresa ÆS 8.11|Irene Sanesi – Cerco un centro di gravità permanente
Your Comment

Leave a Reply Now

Your email address will not be published. Required fields are marked *